page-header

Angelo Tedeschi

  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item

Angelo Tedeschi

Sono un Dirigente Superiore della Polizia di Stato a riposo. Sono nato a Bari e vivo a Casamassima. Ho conseguito la laurea in Giurisprudenza con il massimo dei voti e l’abilitazione all’esercizio della professione forense. Ho lavorato alle dipendenze del Ministero dell’Interno per trentacinque anni dirigendo importanti uffici di polizia tra cui i Commissariati di Monopoli, Barletta e Lamezia Terme. L’ultimo mio incarico è stato quello di Vicario del Questore di Taranto.

Con la fotografia ho un legame profondo. Viene dagli anni lontanissimi della mia prima adolescenza e da una macchina fotografica Kodak Instamatic con rullino a cassetta, regalo dei miei genitori per la promozione alla seconda media inferiore.

In seguito, negli anni Ottanta, con i primi guadagni da lavoro dipendente, acquistai  una bellissima Olympus OM 30 approfondendo le nozioni tecniche con L’Enciclopedia della Fotografia Curcio Kodak. I primi scatti da autodidatta volenteroso li rivolsi ai miei cari e alla mia (allora) ragazza.

Purtroppo,  i successivi impegni di lavoro non hanno sempre favorito una costante applicazione ed un altrettanto approfondimento tematico, entrambi necessari per sviluppare tecnica e creatività fotografiche.

Solo due anni fa, con il pensionamento, ho potuto rafforzare quel rapporto anche grazie al corso di fotografia seguito presso l’Ac Photographers di Casamassima. È stata, quest’ultima, un’esperienza molto utile tanto da entrare a far parte dell’associazione partecipando alle svariate iniziative e confrontandomi con i soci più esperti su aspetti generali e su dettagli significativi.

So che la strada è lunga ma, giorno dopo giorno, noto graduali miglioramenti sia pure intervallati da errori. Tuttavia, anche gli insuccessi recano in sé un messaggio positivo e inducono ad insistere.

Leggi di Più

  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item
  • gallery-item